LUSSEMBURGO: Ora si possono coltivare legalmente fino a 4 piante di cannabis!

LUSSEMBURGO: Ora si possono coltivare legalmente fino a 4 piante di cannabis!

E’ ufficiale: la coltivazione di cannabis è ora legale, dopo Malta, anche in Lussemburgo!

 la coltivazione di cannabis è ora legale, dopo Malta, anche in Lussemburgo!

Avevamo già anticipato questa volontà politica l’anno scorso ma ora la legge è ufficialmente entrata in vigore. Vediamo cosa prevede nello specifico:

1) I cittadini maggiorenni potranno coltivare fino a 4 piante di cannabis a testa, potranno farlo sia al chiuso e sia all’aperto, a patto che la piantagione non sia visibile dalle strade limitrofe.

2) Si potrà consumare legalmente solo in casa. Resta quindi vietato il consumo in pubblico.

3) Resta illegale anche il possesso, il trasporto e la vendita. Fino a 3 grammi si incorrerà però solo in una piccola multa. Sopra i 3 grammi invece si potrà essere già considerati rivenditori illegale.

4) Tolleranza zero alla guida. Sarà vietato guidare qualsiasi mezzo di trasporto se si è sotto effetto della cannabis.

5) Per i minorenni resterà vietato anche consumo e produzione.

Con questa nuova riforma anche il Lussemburgo ha violato, senza nessuna conseguenza, la convenzione delle Nazioni Unite sul controllo degli stupefacenti, un trattato di oltre 60 anni fa che continua però ad essere usato dai politici italiani per giustificare le attuali leggi proibizioniste. Oltre il Lussemburgo anche Malta, il Canada, L’urugay e diversi paesi degli Stati Uniti hanno violato l’ormai obsoleto l’accordo internazionale, questo dimostra che non è poi un limite così invalicabile!

Con questa nuova legge finalmente non si puniranno più i piccoli consumatori, che anzi ora potranno finalmente rifornirsi senza finanziare la criminalità organizzata e potranno consumare dei prodotti controllati e di qualità, andando a pesare meno poi anche sulla sanità pubblica!

Ora la palla passa alla Germania… ma quando all’Italia?

FONTE
https://today.rtl.lu/news/luxembourg/a/1926342.html

Torna al blog