Il fondatore degli alcolisti anonimi usò psichedelici per superare la sua dipendenza

Il fondatore degli alcolisti anonimi usò psichedelici per superare la sua dipendenza

Il 29 agosto 1956, Bill Wilson, il più famoso alcolista della storia ha assunto LSD sotto supervisione di un filosofo e di uno psichiatra.

Tra il 1933 e il 1934, Wilson fu ricoverato in ospedale per il suo alcolismo quattro volte, fino a quando provarono a trattare la sua dipendenza tramite "la cura della belladonna", un trattamento a base di un composto estratto dalle bacche dell'arbusto di Atropa belladonna . Conosciuta anche come "belladonna mortale", la belladonna è un allucinogeno estremamente tossico.

la cura della belladonna ", un trattamento a base di un composto estratto dalle bacche dell'arbusto di Atropa belladonna

Dopo averlo preso, Wilson ha avuto una visione di una "catena di ubriachi" in tutto il mondo, che si aiutavano a vicenda a riprendersi. Questa “esperienza spirituale” diventerebbe il fondamento della sua sobrietà e della sua convinzione che un'esperienza spirituale è essenziale per diventare sobri. Fu anche la genesi di Alcolisti Anonimi.

Wilson sconfisse si la sua dipendenza ma mantenne una sensazione costante di depressione fino a quando 20 anni dopo non decise di sperimentare su di se l’LSD. 

"Sono certo che l'esperienza con l'LSD mi ha aiutato molto", scrive Wilson in una lettera del 1957. "Mi ritrovo con un'accresciuta percezione del colore e un apprezzamento della bellezza quasi distrutto dai miei anni di depressione... La sensazione che la divisione tra 'qui' e 'là' sia diventata molto sottile è costantemente con me."

Anche se quando Wilson assunse per la prima volta l'LSD, il farmaco era ancora legale, quando la notizia delle attività di Bill è giunta alla Fellowship, ci sono state inevitabili ripercussioni. La maggior parte degli AA erano violentemente contrari alla sua sperimentazione con una sostanza che altera la mente. L'LSD era allora totalmente sconosciuto, scarsamente studiato e del tutto sperimentale - e Bill lo stava prendendo". Queste polemiche portarono poi Wilson a ritrattare la sua posizione molto favorevole all’uso di psichedelici per superare le dipendenze. 

La scie
nza però, negli anni ha dato poi ragione a Wilson:

In uno studio condotto alla fine degli anni '50, Humphrey Osmond, uno dei primi ricercatori sull'LSD, somministrava LSD ad alcolisti che non avevano smesso di bere. Dopo un anno, tra il 40 e il 45 percento del gruppo di studio si era continuamente astenuto dall'alcol, un tasso di successo quasi inaudito per i trattamenti contro l'alcolismo.

Recenti studi sull'LSD suggeriscono che questa dissoluzione dell'io si verifica perché reprime temporaneamente l'attività nella corteccia cerebrale, l'area del cervello responsabile del funzionamento esecutivo e del senso di sé. La ricerca suggerisce che la "morte dell'ego" potrebbe essere una componente cruciale degli effetti antidepressivi delle droghe psichedeliche.

"Questi farmaci sono neuroplastici, il che significa che aiutano a riparare le sinapsi dei neuroni, che sono coinvolte in tutti i tipi di condizioni come la depressione e la dipendenza e il disturbo ossessivo-compulsivo", spiega Ross. "Ci sono anche prove che questi farmaci possono aiutare nella formazione di nuovi neuroni nell'ippocampo".

Uno studio del 2012 ha rilevato che una singola dose di LSD ha ridotto l'abuso di alcol nei partecipanti allo studio. Le prove con la psilocibina hanno dimostrato un successo simile

Wilson sarebbe stato felice!

Bill Wilson psichedelici lsd

Fonte 

Torna al blog