Olio di Cannabis: Benefici per Acne e Psoriasi

Olio di Cannabis: Benefici per Acne e Psoriasi

Ormai sono diversi gli studi che hanno dimostrato che il cannabidiolo abbia una grande efficacia nel combattere i problemi cutanei. Il CBD ha dimostrato infatti di ridurre efficacemente la risposta infiammatoria della pelle, in modo particolare in quelle zone dell'epidermide danneggiate, come nei casi di acne e psoriasi.



Secondo uno studio condotto sull’Acne comparso in alcune donne, dopo i primi sette giorni di trattamento, l'85,71% ha riportato un miglioramento mentre alla fine dei 14 giorni di trattamento, il 100% ha dichiarato di aver notato un miglioramento.

L’infiammazione della pelle alla base della psoriasi invece, scatena una reazione che porta a una maturazione prematura delle cellule, che sfocia poi nelle lesioni caratteristiche della malattia. La cannabis, grazie alla sua azione antinfiammatoria, modula la regolazione di questa risposta del nostro organismo. I meccanismi che agiscono alla base della psoriasi, coinvolgono il sistema immunitario dell’essere umano.

Il sistema endocannabinoide “comunica” con il sistema immunitario e agisce sulla regolazione di alcune funzioni fisiologiche. Le complesse relazioni che fanno sì che il sistema endocannabinoide contribuisca all’equilibrio cellulare della nostra pelle sono il contesto in cui il cannabidiolo esercita le proprie qualità benefiche per contrastare la psoriasi. 

Il CBD aiuta anche nella prevenzione dell'invecchiamento della pelle con la sua azione antiossidante. Solitamente per questo utilizzo viene utilizzato sotto forma di olio, creme o pomate da applicare direttamente sulla cute.

ATTENZIONE

Diffidate degli oli di cui non conoscete la provenienza e i metodi di coltivazione, potrebbero essere ricchi di agenti contaminanti poiché il mercato in Italia non è ancora totalmente regolamentato.

Il miglior olio tra quelli testati è quello di Enecta che potete acquistare cliccando qui!


FONTE 1 - FONTE 2

 

Torna al blog
1 su 4